Famiglie carissime oggi giochiamo a Cluedo! Siete pronti? Sul Giornale della Sera è apparsa una notizia orrenda, raccapricciante. Il ricchissimo Dottor Black, proprietario della lussuosa Villa Tudor, è stato brutalmente assassinato.

Tutti i detective sono già impegnati nelle indagini, toccherà a loro scoprire chi è l’omicida, qual è l’arma del delitto ed in quale stanza è stato commesso il vile gesto.

Amici, i detective stasera sarete proprio voi! I sospettati sono gli invitati che la sera dell’omicidio erano ospiti a Villa Tudor. Quindi ragazzi avanti con le vostre mosse, appunti e deduzioni per smascherare l’efferato criminale.

Cluedo è un gioco distribuito dalla statunitense “Hasbro” la quale ha acquisito la “Parker”.

Da 8 anni in su, si può giocare o in 3 o in 6. Disponibile ovviamente anche su Amazon.it (vedi qui sotto).

Nato dalla mente di Anthony Pratt, un impiegato presso lo studio di un avvocato, Cluedo è un giallo che mette alla prova le proprie capacità di deduzione.

Prima di continuare desidero postarvi questo video di Giochi per bambini e ragazzi che vi darà un’ampia panoramica su questo fantastico gioco: cluedo 🙂

La sua notorietà ha toccato cime altissime, tanto che, incline al suo fascino, anche il teatro ha reso omaggio al gioco. Spassosa, infatti, la rappresentazione teatrale presentata al Teatro Stabile del Giallo in Via Al Sesto Miglio, 78, 000189 Roma ( sulla via Cassia ).

Lo spettacolo, intriso di humour, offriva al pubblico presente, la possibilità di interagire con esso nel tentativo di scoprire gli assassini colpevoli dei vari omicidi. Una piacevole serata!

Anche la televisione nel 1980 portò nelle case degli italiani un programma televisivo dove dei concorrenti dovevano risolvere un caso misterioso. Il nome del programma era “Scacco Matto” condotto da Pippo Franco, Laura Troschel e Claudio Cecchetto.

Sei attori, sempre gli stessi per ogni puntata, interpretavano i sospettati i quali si muovevano tra le mura dello stesso maniero, chiamato Villa Drago.

Le puntate si snodavano in varie epoche storiche: dall’ottocento agli anni venti, dagli anni dieci ai sessanta fino a toccare gli anni settanta. Benché non esplicitamente basato sul gioco, c’erano alcuni particolari in comune tanto è vero che i concorrenti dovevano indovinare il colpevole, l’arma, il movente ed altre cose del caso.

Anche se i ricordi sono un po’ sbiaditi, mi divertivo a guardarlo.

Tornando al nostro gioco, il tabellone riproduce l’interno di Villa Tudor; dall’anticamera si può accedere alle varie stanze che armonizzano l’elegante maniero. C’è la sala biliardo, la biblioteca, la sala da ballo che corteggia un raffinato pianoforte a coda, la sala da pranzo meticolosamente apparecchiata e poi ci sono 4 stanze che al loro interno nascondono dei passaggi segreti verso altre stanze.

Una villa insomma tutta da scoprire. Le pedine in realtà impersonificano proprio i 6 sospettati; ognuna ha un colore ben definito.

  1. Colonnello Mustard- giallo
  2. Professor Plum- viola
  3. Reverendo Green- verde
  4. Mrs. Peacock- blu
  5. Miss Scarlett- rosso
  6. Mrs. White- bianco

I detective ne sceglieranno una ciascuno.

Ogni pedina ha un punto prestabilito dal quale iniziare la partita. Ci sono in dotazione anche 6 armi che i partecipanti dovranno collocare, prima dell’inizio della partita, in una stanza specifica. Le armi sono:

  1. pugnale
  2. tubo di piombo
  3. rivoltella
  4. corda
  5. candeliere
  6. chiave inglese.

Abbiamo tre mazzi di carte i quali raffigurano:

  1. i sospettati
  2. le stanze
  3. le armi.

I mazzi devono essere mischiati separatamente e poi depositati coperti sul tabellone.

Prendere le prime carte di ciascun mazzo, senza vederle, ed inserirle nella “busta del delitto” la quale, a questo punto, conterrà le tre carte che risponderanno alle tre domande finali: Chi? Dove? Con quale arma?

La busta del delitto viene successivamente lasciata al centro del tabellone con il suo misterioso contenuto.

Le altre carte verranno mischiate stavolta tutte insieme e poi distribuite fra tutti i partecipanti. Attraverso il lancio dei dadi, le pedine si muovono nei corridoi che separano le stanze con l’obiettivo di entrarvi al fine di formulare le ipotesi del delitto.

Una volta entrati nella stanza che v’interessa, porterete in essa la pedina del sospettato e l’arma del delitto che voi ipotizzate siano le risposte contenute nella busta del delitto.

Quindi se siete entrati per esempio nella biblioteca e avete portato la pedina rossa Miss Scarlett e la rivoltella, formulerete l’ipotesi: il delitto è stato compiuto da Miss. Scarlett, con la rivoltella in biblioteca.

Gli altri giocatori. Qualora avessero nelle loro carte a disposizione una di quelle menzionata dal detective che ha formulato l’ipotesi, devono obbligatoriamente farla vedere a chi ha formulato l’ipotesi senza però farla vedere agli altri.

Se egli avesse più di una carta menzionata dal detective, ne sceglierà una e gliela farà vedere. A questo punto il detective, dopo aver visto confutare la propria teoria riguardo il delitto, si annoterà sul suo taccuino le informazioni ricevute dagli altri giocatori.

Sarete proiettati in una dimensione romanzesca del tipo: Hercule Poirot a Styles Court. Il primo scritto da Agatha Christie sulle indagini del famigerato investigatore belga, risalente al periodo della Prima guerra mondiale.

La prima volta che ho giocato, il tabellone di Cluedo mi ha ricordato il maniero campagnolo dell’Essex la cui proprietaria, Emily Inglethorpe, una notte viene ritrovata avvelenata da stricnina. Hercule Poirot  sarà chiamato ad indagare sul caso, proprio come farete voi per risolvere il caso di Villa Tudor.

Per gli appassionati, è stato realizzato anche un film nel 1990 diretto dal regista Ross Devenish con David Suchet nei panni del sagace detective ( Poirot a Styles Court ). Disponibile su Amazon.it in diverse edizioni (vedi qui sotto)

Proseguendo il gioco avrete la possibilità di segnare sul vostro taccuino tutti gli indizi imprescindibili per arrivare alla conclusione del mistero.

Certo, un pizzico di fortuna ci vuole in quanto il lancio dei dadi è fondamentale per poter entrare nelle stanze, dalle quali potrete formulare ipotesi guadagnando importanti informazioni da tutti gli altri. Le vostre celluline grigie saranno messe a dura prova, ma avranno la possibilità di dimostrare la grandezza umana elevata in tutto il suo splendore dal ragionamento e dalla deduzione.

Commenti

commenti

Facebook